venerdì 15 aprile 2011

Un estratto da Pagina 10.


“Quello che gli si presentò davanti era ciò che Francesco aveva sperato di ritrovare dopo tanti anni, quando quella mattina aveva deciso di mettersi in viaggio.
Di fronte a lui si estendeva il magnifico panorama della campagna toscana: le dolci colline assolate di una mattina di primavera.
Decise di percorrere lentamente il viottolo sterrato che circondava il perimetro delle mura, per potersi immergere completamente in quel bagno di verde e sole.
Avvertì ben presto una sensazione di benessere e tranquillità: qualcosa di spirituale che accarezzava e consolava il suo animo nel profondo.
Dopo tanti giorni passati all’ombra del suo dolore, si sentiva finalmente di nuovo capace di respirare, di vedere la luce, come se la fine del tunnel fosse ormai vicina…”.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...